Comunicato Stampa convegno ITALO FRANCESE

COMUNICATO STAMPA         7 ottobre 2013

UN GRANDE RISULTATO DAL

CONVEGNO ITALO FRANCESE

PER I PERITI ITALIANI

Si è svolto a Roma UN CONVEGNO ITALO-FRANCESE sul tema: Presentazione dell'organizzazione giudiziaria nei nostri due paesi (la Francia e l'Italia), Il ruolo del perito (expert in francese): il perito del giudice,il C.T.U. e il consulente tecnico delle parti. Analizzando il processo penale, civile e amministrativo.

Il convegno ha avuto il Patrocinio dell’Assemblea Capitolina di Roma Capitale.

 

Il convegno si è sviluppato nel confronto e nelle rispettive esigenze dei periti delle due nazioni con l’obiettivo di creare una piattaforma comune da portare in Europa con la creazione di una nuova organizzazione europea di periti.

La delegazione francese era composta da:

Serge BERTHET, Consigliere della corte d'appello di Nîmes
Nicole BERTHET, Consigliera della corte d'appello di Nîmes
Catherine BERNARD, avvocata dell'associazione forense di Montpellier
Laurent MERILHOU, Presidente della Compagnie degli esperti presso la corte d'appello di Nîmes
Alain MINGAUD, Presidente onorario della Compagnia e Consigliere municipale della città di Nimes
Alain BERNARD, esperto contabile
Christian BOUVIER, esperto contabile
Jean-Marc EYROLLES, esperto presso la corte d'appello amministrativa
Béatrice FAUCON, segretaria della Compagnia e esperta immobiliare
Geneviève GUIGNOT, esperta fondiario
Marie-Ange HERALY LIMBOURG, esperta interprete
Marie-Odile MERILHOU, esperta fiscale
Jean-Michel MALACAMP, ingegnere esperto
Fernando MARTELLA, architetto esperto
Denis MORANDO, esperto automobile
Frédéric ORGNON, esperto immobiliare
Jean-Jacques PLAGE, ingegnere esperto
Bernard PRIEUR, esperto psicologo

La delegazione italiana era composta da:

Fabio Massimo GALLO, Magistrato civile, presidente sezione Lavoro presso Corte d’Appello di Roma

Giacomo EBNER, GIP e Presidente delegato Comitato Albo Periti presso il Tribunale di Roma

Antonio Ferdinando DE SIMONE, Avvocato penalista

Natale FUSARO, Avvocato penalista e consulente tecnico criminologo

Carlo Baronti, Presidente Collegio Periti Italiani

Alessio Russo, Segretario Nazionale Collegio Periti Italiani e consulente tecnico in preziosi

Antonio Galli, Vice Presidente Collegio Periti Italiani Consulente tecnico in antiquariato

Franco Mario, Vice Presidente Collegio Periti Italiani Consulente tecnico grafico-trascrittore

Giuseppe Ubaldelli, Consulente tecnico amministrativo

Valerio Maschio, Consulente tecnico informatico

Federico Saccani, Consulente tecnico in Sheffield antico

Ha partecipato Guido D'AMICO, Presidente di Confimprese Italia.

Laurent MERILHOU, Presidente della Compagnie degli esperti presso la corte d'appello di Nîmes, ha raccolto la proposta del Segretario Nazionale Arch. Alessio Russo di costituire una nuova organizzazione europea di periti ed ha entusiasticamente affermato, all’invito del Segretario Nazionale di iniziare subito i lavori preparatori, di aver sentito il Presidente dei periti tedeschi che aspettano i rappresentanti delle due delegazioni Italo-Francese il prossimo anno a Berlino tra luglio ed agosto per la costituzione.

Durante il convegno le due delegazioni si sono confrontati sul confronto dei rispettivi sistemi giudiziari, per quanto attiene ai periti, e sulle proposte di modifiche e necessità. Il risultato evidente è stata la pressoché totale convergenza delle analisi e delle proposta da parte delle due delegazioni. Cosa ancora più simpatica ed importante per il futuro è che è apparsa chiara la simpatia e concordia tra le due delegazioni.

Un simpatico prologo al convegno è avvenuto la sera precedente al convegno.

Alle ore 18,00 il Presidente dell’Assemblea di Roma Capitale On. Mirko Coratti ha ricevuto le due delegazioni nella Sala Giulio Cesare dove vi è stato uno scambio di saluti tra tutti partecipanti e dove il Presidente si è interessato sui temi del convegno.

"I periti – ha dichiarato il presidente dell’Assemblea Capitolina Mirko Coratti- con la loro attività professionale contribuiscono in modo sostanziale alla formazione del convincimento del giudice. La formazione della prova deriva principalmente dai loro accertamenti. Si tratta di una grande responsabilità che ha inevitabili risvolti deontologici da cui seri professionisti non possono prescindere per contribuire alla riforma del nostro sistema giudiziario".

Alle ore 18,30 è iniziata una visita ai musei capitolini organizzata appositamente per noi dal Presidente e dalla Sovrintendenza.

"Sulla fondamentale rilevanza del ruolo dei periti - continua la nota - affida alcune considerazioni il segretario generale del Collegio dei periti italiani, Alessio Russo: 'Forse la nostra è una strana professione. Quando veniamo nominati dal magistrato diventiamo probabilmente l'elemento più decisivo per la formulazione del suo giudizio definitivo. A questa responsabilità però non corrispondono tutta una serie di situazioni e fatti che dovrebbero essere scontati. Innanzi tutto la nostra professionalità. Quanti di noi si sono imbattuti in periti non del tutto ben informati? E quanti cittadini hanno subito un danno da una perizia superficiale o inattendibile? Quante volte troviamo periti senza storia e passato? Quante volte periti che, pur non avendo mai esercitato la loro professione, hanno accesso agli albi dei tribunali? Casi particolari? No. Le nostre questioni non sono solo nostre ma devono e possano essere affrontate a salvaguardia della nostra dignità ed indipendenza ed a garanzia dell'utente. Sì, quel cittadino per il quale, in fondo, tutti noi, magistrati, procuratori, avvocati, consulenti tecnici, lavoriamo. Più volte - conclude Russo - abbiamo dimostrato che una cosa è essere, ad esempio, un buon ingegnere ed un conto è essere un buon consulente tecnico in ingegneria'".

Arch. Alessio Russo

(Segretario Nazionale del Collegio Periti Italiani)

 

si ringrazia